Il mercato delle assicurazioni professionali ha conosciuto un periodo di crescita costante negli ultimi anni, e secondo i dati pubblicati da Finaccord, società inglese leader nelle analisi di mercato con particolare attenzione per il segmento assicurativo, il trend non è destinato a conoscere un fenomeno d’inversione ma piuttosto di stabilizzazione, confermando quindi l’andamento crescente ma in modo non più esponenziale bensì più regolare.


Ciò che emerge chiaramente dallo studio effettuato, il quale coinvolge i primi 10 paesi del vecchio continente (tra i quali Germania, Francia, Italia ma anche Regno Unito e Svizzera) è che dal 2009 ad oggi, il volume totale registrato nel settore delle polizze professionali è aumentato in modo significativo. I premi lordi incassati nel 2009 ammontavano infatti a 6.15 miliardi di euro, saliti a 6.78 miliardi nel 2013 e destinati ad un ulteriore rialzo che porterà la cifra complessiva a 7.5 miliardi entro fine anno.


Il settore trainante in questo fenomeno -come emerge dallo studio- sembra essere quello sanitario, dove i contenziosi stanno aumentando a dismisura a causa non soltanto di una più responsabile gestione degli incidenti in corsia da parte dei presidi sanitari, ma anche per via di quel fenomeno che abbiamo già avuto modo di analizzare in passato e cioè la lite temeraria; quest’ultima -lo ricordiamo- sembra essere espressione di una litigiosità pretestuosa e infondata, alimentata dalla promessa di facili risarcimenti che alcune agenzie specializzate fanno a chi da paziente si è sentito ingiustamente danneggiato.


Ad alimentare ulteriormente la crescita dei volumi nel settore, è l’introduzione di obblighi di legge in capo ad un numero di categorie professionali in continuo aumento, e a fare da capofila c’è proprio il nostro paese, come sottolinea Bernd Bergmann, analista di Finaccord; eppure non si deve pensare a questi aumenti come un fenomeno incontrollato, infatti la presenza di broker assicurativi specializzati -proprio come RCPolizza.it- dà la garanzia che i rischi peculiari per ogni categoria vengano debitamente ponderati nel proporre i diversi prodotti assicurativi. Ed un’assicurazione professionale costruita sui bisogni delle diverse categorie in discorso frena l’andamento al rialzo dei premi lordi versati alle compagnie.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo ai tuoi amici e colleghi